venerdì 7 agosto 2015

LAZZARO DISOBLIATA: Oggi presentazione del libro U RICRIJU R'U ME' CORI di Rocco Nassi


Ultimo appuntamento oggi con “Lazzaro Disobliata. Cultura d'Estate”, rassegna di eventi promossa dalla casa editrice Disoblio Edizioni in collaborazione con il Comune di Motta San Giovanni, l'Associazione Eureka, la Biblioteca Auxesia, la Pro Loco Motta San Giovanni, il portale d'informazione Lazzaroturistica.it e Il Matitone di Noè. Lazzaro Disobliata ha il senso di aprire spazi di riflessione partendo dai libri, ma anche di fruire del bello per mezzo di mostre fotografiche e pittoriche, in una cornice suggestiva, considerata uno dei luoghi più incantevoli della nostra terra.
Oggi presso la Sala Conferenze del Ristorante “Al Faro”, sito sul Lungomare Cicerone di Lazzaro di Motta San Giovanni, si svolgerà la presentazione della silloge “U ricriju r'u me' cori” di Rocco Nassi. Intervengono Saverio Verduci (Storico e Saggista), Giuseppe Antonio Martino (Storico, Saggista e Studioso di tradizioni locali), Salvatore Bellantone (Editore). SARÀ PRESENTE L'AUTORE.
Scritta dall'ormai maturo Rocco Nassi in fatto di poesia dialettale, la silloge “U ricriju r'u me' cori” indaga con la parola vernacolare bagnarese le ragioni della decadenza della terra natìa ed esprime la speranza della sua rinascita, possibile quest'ultima soltanto se le nuove generazioni riusciranno a vedere il Meridione d'Italia con gli stessi occhi sognanti del poeta e a parlare la lingua dialettale con la consapevolezza della sua importanza. Le note sono a cura di Giuseppe Antonio Martino.
ROCCO NASSI (Bagnara Calabra, 1963) è un appassionato divulgatore di poesia vernacolare, da anni partecipa attivamente alla vita associativa bagnarese. Fondatore del gruppo Parra e scrivi comu ti fici to’ mamma, collabora con diversi siti di poesia dialettale. Dal 2011 cura il blog rocconassi.blogspot.com. Ha pubblicato: Bagnara rari bellizzi (Ass. Capo Marturano, 2007), Pe’ comu parru scrivu: amari penzeri... (2010), ’I ’sta terra parru d’amuri (Caravilla, 2012), No’ esti na źannella (Disoblio Edizioni, 2014). Attualmente, vive e lavora a Bagnara Calabra.

Nessun commento:

Posta un commento