martedì 30 aprile 2013

Gerace Libro Aperto 2013: presentato il saggio “La morale è il potere. Nietzsche interprete di Paolo”



Si è svolta lunedì 29 aprile, alle ore 18:00, presso la Sala Conferenze del Centro Visita Parco Nazionale D'Aspromonte - Complesso Monumentale San Francesco D'Assisi di Gerace, nella cornice della manifestazione “Gerace Libro Aperto” 27 aprile – 1 maggio 2013, Festival letterario di promozione del libro, della cultura e delle case editrici calabresi, la presentazione del saggio “La morale è il potere. Nietzsche interprete di Paolo” di Salvatore Bellantone (Disoblio Edizioni). Alla presentazione, moderata da Maria Francesca Fassari (redattrice), sono intervenuti:  Luca Marturano (Assessore Cultura Comune di Gerace), Antonio Giuseppe D'Agostino (Direttore Cittametropolitana.it), Gianfranco Cordì (Ricercatore Università di Catania), Salvatore Bellantone (Autore del libro).
L'Assessore Luca Marturano ha inaugurato i lavori e ha ringraziato i relatori per aver portato la filosofia all'interno della fiera del libro geracese, una disciplina che non poteva mancare dal momento che la Calabria ha partorito celebri filosofi come Pitagora, Telesio, Campanella, Galluppi, Quinzio, Scoleri. “La speranza di un rinnovamento di questa Regione e dei suoi abitanti – ha affermato Marturano – comincia sempre dalla cultura, dai libri e anche la filosofia, specie quando proviene da autori calabresi, ha un ruolo determinante in questo obbiettivo”.
Maria Francesca Fassari ha salutato i presenti e ringraziato la città di Gerace e tutti gli enti organizzatori per aver ospitato la casa editrice Disoblio Edizioni, alla seconda edizione della fiera del libro geracese. Dopodiché, ha presentato i relatori e ha delineato gli argomenti principali sui quali si focalizza l'opera.
Antonio Giuseppe D'Agostino e Gianfranco Cordì hanno chiarito in maniera dettagliata i nodi cruciali dell'opera – critica della morale, trasvalutazione dei valori, tipologie umane dei forti e dei deboli, la figura di Paolo e la questione della Legge, le due forme della Volontà di Potenza, il ribaltamento della giustizia, ebraismo e cristianesimo, crollo della metafisica e conseguente questione della Terra –  sottolineando come il testo si collochi all'interno del filone italiano di studi nietzscheani e sia utilissimo per comprendere il nostro tempo.
Salvatore Bellantone, nella duplice veste di autore ed editore, ha evidenziato innanzitutto che l'opera inaugura la collana Taumazein, all'interno della quale ospitare gli studi filosofici contemporanei, poi ha spiegato come il tema trattato nell'opera, il nodo cruciale Nietzsche-Paolo, costituisca una pagina determinante per la storia della filosofia e per comprendere come sia possibile il passaggio dal post-moderno al nuovo realismo.
La presentazione, in breve, ha destato l'interesse dei presenti grazie alle parole semplici con cui i relatori hanno spiegato questa pagina importante della storia della filosofia che condiziona il nostro tempo, dimostrando che il pensiero filosofico è una di quelle risorse di cui non è possibile fare a meno per comprendere in maniera critica ciò che accade oggigiorno su scala planetaria.  

Nessun commento:

Posta un commento